3607 - Iperammortamento cumulabile fino al 100% della spesa (ItaliaOggi 25/1/2018)

News

 

ItaliaOggi
Numero 021  pag. 34 del 25/01/2018
VIDEOFORUM 2018/ La condizione: gli altri incentivi non prevedano espressi divieti
Iperammortamento cumulabile: contributi al 100%
di Roberto Lenzi

Contributi fino al 100% della spesa sostenuta per le imprese che effettuano investimenti Industria 4.0. L'opportunità è resa fattibile dalla possibilità di cumulare gli incentivi dell'iperammortamento con tutte le agevolazioni a disposizione delle imprese. Unico requisito è che gli altri incentivi «non prevedano un espresso divieto di cumulo con misure generali».

 

Bisogna comunque fare attenzione perchè in alcuni casi si supera il 100% [Viene fatto l'esempio del bando Inail (65) + iper ammoramento]

L'applicazione del cumulo nelle società di capitali

Per le società di capitali il beneficio derivante dall' iperammortamento può essere considerato il 36% (24% Ires risparmiata su 150); il 24% di abbattimento Ires determinato dall'ammortamento, su 100 (valore del bene effettivo), rientra nell'ordinario e non dovrebbe essere considerato agevolazione.

La buona notizia del cumulo apre tuttavia a problemi di natura operativa. Pur sembrando molto alta la quota del 100% sono diverse le imprese che rischiano di sforare il tetto e non hanno istruzioni per gestire l'eccedenza. Basti pensare alle oltre 15 mila imprese che annualmente ricevono contributi del 65% su beni idonei anche alla sicurezza, o alle miriadi di agevolazioni regionali che in de minimis possono arrivare a queste percentuali. La somma del 36 e 65% porta a 101%. Ovviamente il problema non sarà per le imprese quello di lasciare indietro l'1%, lo diventerà il tecnicismo. Non potendo rinunciare ad una quota del contributo Inail o di quelli regionali, in quanto ipotesi non prevista dai bandi, dovrà probabilmente intervenire l'Agenzia delle entrate inserendo un rigo apposito nel Modello Redditi 2018 al fine di gestire questo 1%.